Come si preparano le melanzane a filetti? Bella domanda. Non è così facile rispondere perché questa specialità tipicamente italiana ha tante variante regionali, quindi come potete immaginare ci sono varie ricette per le melanzane a filetti sott’olio.

Oggi vediamo uno dei procedimenti più comuni. Poi ovviamente ognuno di noi avrà delle preferenze. C’è infatti chi preferisce la ricetta siciliana delle melanzane a filetti, o quella calabrese o napoletana.

Intanto iniziamo: questo passaggio è semplice ma essenziale: lavare le melanzane, asciugarle e sbucciarle.

Tagliate le melanzane creando delle fette , e poi dei bastoncini sottili e riponiamo in un contenitore uno strato di melanzane e uno di sale fino.

Dopodiché ricopriamo tutto con coperchio e lasciamo evaporare l’acqua amara delle melanzane per 24 ore. Trascorso il tempo, sciacquiamo le melanzane e le mettiamo in una pentola dove facciamo bollire mezzo litro di acqua e aceto.

Quando si raffreddano strizziamo le melanzane, stando attenti(e) a non romperle.
Quindi prendiamo le melanzane e li poniamo in un contenitore con olio, aglio a pezzetti, origano e peperoncino.

A questo punto le melanzane vanno riposte nei barattoli di vetro bolliti e ben asciutti.

In ogni barattolo mettiamo ovviamente i filetti di melanzane, poi aglio, peperoncino, origano e altro olio. L’ultimo strato dovraà essere sempre composto da aglio, peperoncino, origano.

Ora aggiungiamo altro olio fino a colmare il barattolo e faremo riposare tutto per 12 ore senza coperchio, dopodiché chiuderemo il tutto.

Bella fatica eh? Ma vi assicuro che ne vale la pena.

 

mezzo litro di acqua
qualche kg di melanzane lunghe
mezzo litro di olio di oliva
mezzo litro di olio di arachidi
mezzo litro di aceto di vino bianco
origano, aglio, peperoncino piccante, sale fino, pepe nero in grani

Melanzane a filetti già pronti: un’eccellenza della Costiera Amalfitana